HomeSala StampaArchivioResoconto 2009 - 2014CampagneVideoPubblicazioniPrivacy
 I comunicati stampa della Provincia di Parma
Agricoltura
Ambiente, Parchi, Risorse naturali
Cultura
Protezione civile
Scuola
Territorio
Turismo
Viabilità, Trasporti, Infrastrutture
I comunicati stampa della Provincia di Parma

Dai lavoratori e dalle aziende del Parmense una donazione di 130 mila euro per la difesa della nostra montagna
E’ frutto di un accordo tra Upi e CGIL, Cisl, Uil. La cifra sarà destinata a sostenere le attività di Protezione Civile col progetto “Proteggi la montagna” presentato stamattina in Provincia.

Parma, 3 ottobre 2014 – La Provincia di Parma ha coordinato la destinazione della generosa donazione arrivata dal mondo del lavoro e delle imprese per far fronte alle emergenze del dissesto idrogeologico che negli ultimi anni ha afflitto l’Appennino parmense e che ancora persiste.
Si tratta di circa €130.000 raccolti attraverso un accordo sindacale stipulato tra CGIL, CISL e UIL e Unione Parmense degli Industriali (Upi): i lavoratori  dell’intero territorio provinciale hanno delegato volontariamente le aziende a trattenere un’ora o più di stipendio dalla propria busta paga e le aziende hanno versato nel fondo un importo pari a quello versato dai loro dipendenti.
La Provincia, concordandolo con i promotori dell’iniziativa, ha ritenuto, in armonia con il principio della raccolta fondi, di destinare tali fondi al miglioramento dell’assistenza al territorio montano nelle situazioni di emergenza, sostenendo le attività del Comitato Provinciale degli Organismi di Volontariato per la Protezione Civile in supporto ai Vigili del Fuoco e con l’acquisto di materiali e attrezzatura e attivando un sistema di allertamento della cittadinanza in tempo reale in caso di emergenza.

Ne è risultato un vero e proprio progetto, intitolato “Proteggi la montagna”, che è stato presentato stamattina alle autorità e ai gruppi di volontariato del territorio. Erano presenti: l’Assessore alla Viabilità Andrea Fellini, il Vice presidente di Upi  Gabriele Buia, il Comandante dei Vigili del Fuoco di Parma Ing Giuseppe Lomoro, i Segretari generali di Cgil Massimo Bussandri, di Cisl Federico Ghillani e di Uil Mario Miano  e Stefano Camin Presidente del Comitato degli organismi di volontariato.

“Il volontariato è uno degli attori fondamentali durante le emergenze – afferma l’Assessore provinciale Andrea Fellini - Per questo abbiamo previsto innanzitutto l’acquisto di mezzi ed attrezzature volti a sostenere e a rendere più efficienti gli interventi dei volontari impiegati negli interventi di emergenza, sia quelli relativi a fenomeni di dissesto sia di incendi boschivi, che sono per loro natura caratterizzati dall’accesso a zone spesso impervie ed in situazioni di disagio. Con queste risorse i volontari saranno più attrezzati e potranno meglio contribuire anche nella loro azione di supporto ai Vigili del Fuoco da sempre anch’essi presenti nei momenti del bisogno.  Non meno importante è poter avvertire tempestivamente la popolazione in caso di emergenze, per questo abbiamo previsto anche l’acquisto di un sistema di allerta vocale."
Ha  quindi ringraziato i lavoratori dei Servizi viabilità, Protezione civile e Polizia Provinciale della Provincia,”sempre presenti al momento del bisogno.”

“Dal 1945 in poi in Italia sono stati spesi 67 miliardi di euro a supporto delle emergenze – ha ricordato il Vice presidente di Upi  Gabriele Buia – Ma senza manutenzioni programmate non si può fare seriamente protezione civile sul territorio.”

 “I lavoratori hanno risposto come sempre con entusiasmo alla proposta, e si tratta di migliaia di dipendenti di aziende del territorio che solo poche settimane prima avevano sottoscritto, nonostante le comuni difficoltà economiche imposte dalla crisi, un’analoga donazione per i terremotati del Modenese – ha spiegato il Segretario generale di Cgil Parma, Massimo Bussandri I lavoratori sanno quanto sia importante rispettare il territorio, salvaguardarlo e finirla con il consumo indiscriminato di suolo.”

“Una società resta coesa se ognuno fa la sua parte – ha affermato il Segretario generale della Cisl Federico Ghillani – Questa donazione è un grande segno che i cittadini amano il loro territorio e non vorrebbero vedere le istituzioni in difficoltà perché qualcuno non ne riconosce l’importanza”.

“Questa raccolta, che ha avuto un così grande successo, è stata compiuta all’interno di un mondo del lavoro che fa fatica ad arrivare a fine mese – ha ricordato il Segretario generale di Uil Mario Miano E’ una risposta grande, con cui i lavoratori premiano il volontariato e non si dimenticano di chi sta peggio”.

Stefano Camin Presidente del Comitato degli organismi di volontariato, si è soffermato in particolare sul progetto si allerta della popolazione tramite telefono: “si tratta di un progetto importante, che dà respiro al volontariato che oggi, non dimentichiamolo, si sta autofinanziando con mezzi propri.”

Il Comandante dei Vigili del Fuoco di Parma Ing Giuseppe Lomoro, arrivato da poco nel Parmense, ma con una lunga esperienza in territori montani, ha dichiarato: “Quello di Parma è uno dei migliori distaccamenti di volontari che abbia mai visto. Porterò avanti il mio lavoro qui valorizzando la sussidiarietà, e la cooperazione col volontariato, con la disponibilità e l’ascolto.”

Il Presidente del Consiglio comunale di Parma  Marco Vagnozzi ha portato i saluti e l’apprezzamento del Sindaco all’iniziativa.

IL PROGETTO
1. Si acquisteranno attrezzature necessarie ai volontari specializzati nella funzione anti incendio boschivo:
- Vestiario e dispositivi di protezione individuale,con tute antincendio di 3°categoria, caschi, guanti, scarponi ed occhiali. Tali materiali sono, per le loro caratteristiche, costosi e con data di scadenza, per cui è importante che vengano periodicamente sostituiti.
- Nebulizzatori d’acqua

2. Per le emergenze di tipo idrogeologico, si acquisteranno:
- Mezzi di trasporto specifici per interventi in zone impervie
- Torri faro per gli interventi e la sorveglianza notturna
- Materiale e vestiario come dispositivi di protezione individuale

3. Inoltre si acquisterà un sistema di allertamento della cittadinanza in tempo reale in caso di emergenza, da realizzarsi mediante invio di telefonate o sms con disponibilità 24 ore su 24. Il sistema permette di registrare un messaggio vocale da trasmettere tramite chiamata telefonica o elaborare un messaggio di testo da inviare tramite SMS a liste predefinite di cittadini, suddivisibili anche per comuni o aree soggette a particolari rischi. E’ possibile inviare 200.000 SMS in un’ora o di effettuare fino a 216.000 avvisi vocali. In questo modo possono essere allertate tutte le utenze fisse, sia private sia aziendali che sono registrate negli elenchi di tutti i gestori telefonici.
4. Parte dei fondi e delle dotazioni potrà essere destinata al Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Parma per migliorare l’attività di pronto intervento.


Pagine correlate:

» Dai lavoratori e dalle aziende del Parmense una donazione di 130 mila euro per la difesa della nostra montagna
La cifra sarà impiegata per sostenere le attività di Protezione Civile. La presentazione lunedì 6 ottobre 2014 alle 10,30 in Provincia
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 3 ottobre 2014

data di creazione: 06/10/2014
data di modifica: 06/10/2014
segnala a un amico
versione stampabile

 

in questa pagina...

allegati:

foto ad alta

Il comunicato stampa

  Home / Sala Stampa / Archivio / Resoconto 2009 - 2014 / Campagne / Video / Pubblicazioni / Privacy / 
web design LTT - credits

notizie.parma è un sito di portale.parma - altri siti: eventi.parma
i servizi di portale.parma: calendario degli eventi | filo diretto

^Torna a inizio pagina^

 

 

funzione non attiva