HomeSala StampaArchivioResoconto 2009 - 2014CampagneVideoPubblicazioniPrivacy
 I comunicati stampa della Provincia di Parma
Agricoltura
Ambiente, Parchi, Risorse naturali
Cultura
Protezione civile
Scuola
Territorio
Turismo
Viabilità, Trasporti, Infrastrutture
I comunicati stampa della Provincia di Parma

Primo trimestre 2015: segnali di ripresa per l’occupazione
Presentati i dati dell’Oml, con Censi e Vescovi. Anche a Parma finalmente una reale inversione di tendenza, che interrompe una recessione durata tre anni e mezzo. L’occupazione aumenta di 264 unità, le assunzioni crescono dell’11,5% rispetto al primo trimestre 2014.

Parma, 1° luglio 2015 – dopo tre anni e mezzo di crisi, finalmente notizie positive in Piazza della Pace, oggi, alla presentazione del Rapporto sull’andamento del mercato del lavoro nel Parmense nel primo trimestre 2015.
I dati, illustrati da Pier Giacomo Ghirardini e Monica Pellinghelli dell’Oml, l’Osservatorio sul Mercato del Lavoro della Provincia, segnalano l'avvenuta inversione di tendenza, dopo la lunga fase recessiva.

“Si tratta di primi dati incoraggianti – spiega il Delegato provinciale alla Formazione e Lavoro Maurizio Vescovi - non tanto per l'entità assoluta della rimonta, che essendo agli inizi è ancora modesta, quanto per l'accelerazione significativa delle assunzioni e la qualità dei nuovi rapporti di lavoro. Se i dati del prossimo trimestre confermeranno questo andamento, allora si potrà parlare veramente di ripresa.”

“Ma il dato più significativo è la crescita del lavoro a tempo indeterminato che, sulla spinta dei provvedimenti del Governo, ha visto incrementare enormemente le assunzioni – spiega Andrea Censi Delegato provinciale alla Statistica - Ma non solo: cresce anche la qualità del lavoro, visto che ad aumentare sono i posti di lavoro a tempo indeterminato e a tempo pieno”.

E veniamo al dettaglio dei dati.

Nel primo trimestre 2015, nel «totale economia» formato dal complesso delle imprese e delle istituzioni locali, le assunzioni sono aumentate congiunturalmente dell'8,9% (rispetto cioè al quarto trimestre 2014 su dati destagionalizzati) e tendenzialmente dell'11,5% (rispetto cioè al primo trimestre 2014 su dati grezzi). Inoltre le assunzioni hanno superato le cessazioni dei rapporti di lavoro, al netto dei fenomeni di stagionalità, con un incremento netto di posti di lavoro alle dipendenze pari a 264 unità come dato destagionalizzato.
Poiché nel quarto trimestre 2014 le assunzioni erano ancora in calo, sia congiunturale (-0,6%) sia tendenziale (-5,0%), e si registrava ancora un forte decremento di rapporti di lavoro alle dipendenze (-486 unità come dato destagionalizzato), si può parlare di «avvenuta inversione di tendenza». Se tali andamenti troveranno conferma nel secondo trimestre, si potrà iniziare a parlare di «ripresa» del mercato del lavoro locale.

I 264 nuovi posti di lavoro del primo trimestre 2015 sono il risultato dei posti in più creati in agricoltura (+18), attività manifatturiere (+291), commercio (+14) e altre attività dei servizi (+94), e dei posti venuti invece a mancare in: costruzioni (-54), altre attività industriali (-8) e alberghi e ristoranti (-91). La crescita netta dei dipendenti nelle attività manifatturiere e nell'area dei servizi alle imprese rappresenta il dato più incoraggiante, mentre rimangono difficoltà nelle costruzioni e nei settori dipendenti dai consumi delle famiglie, ancora ristagnanti.

Da sottolineare il dato della crescita del lavoro a tempo indeterminato che ha visto un aumento davvero importante delle assunzioni, sia in termini congiunturali (+35,6%) che tendenziali (+38,2%). Significativa anche la crescita netta di 264 posti di lavoro, al netto della stagionalità, che è il risultato di 647 posti in più a tempo indeterminato, 389 in meno a tempo determinato e 6 in più a chiamata. La notevole crescita netta dei rapporti di lavoro a tempo pieno (+199), a cui si aggiungono 50 posti part-time, rafforza la percezione di una buona qualità dell'incremento della domanda di lavoro.


Positivi anche i dati sul fronte del ricorso agli ammortizzatori sociali: nel primo trimestre 2015 le ore autorizzate di Cassa integrazione guadagni sono state, per il complesso delle gestioni, pari a 554.775, in calo tendenziale del 70,8%. Il volume complessivo dei lavoratori posti in mobilità in forma collettiva, dopo aver raggiunto un punto di massimo nel 2014 con un notevolissimo incremento su base annua pari al 66,6%, nel primo trimestre 2015 ha registrato un rimbalzo in pratica eguale e contrario (-74,6%), portando il flusso dei nuovi iscritti a un punto di minimo.

Al contrario, l’andamento dei patti di servizio stipulati dai Centri per l’impiego risente purtroppo della grande inerzia della disoccupazione che il modesto recupero occupazionale in atto non riesce ad intaccare: con i livelli di disoccupazione raggiunti e l’attuale velocità di recupero il processo di riassorbimento richiederà anni. Al 31 marzo 2015 i patti di servizio attivi riguardano ancora 23.622 persone disoccupate o precariamente occupate.

Permangono inoltre preoccupazioni per l’occupazione giovanile: uno dei dati più insoddisfacenti è la modesta crescita delle assunzioni dei giovani di 15-24 anni di età, che restano ancora molto al di sotto della media generale, sia in termini congiunturali (3,5% contro 8,9%) che tendenziali (2,0% contro 11,5%). In presenza di un’effettiva ripresa, le assunzioni giovanili dovrebbero essere invece le prime a ripartire in modo più significativo.


Pagine correlate:

» Assunzioni in crescita nel Parmense nel secondo trimestre 2014
Presentati i dati dell’Osservatorio provinciale del Mercato del Lavoro. Significativa la ripresa della domanda di manodopera tecnica. In crescita però anche i disoccupati.
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 27 novembre 2014
» Ripresa più debole del previsto per il mercato del lavoro nel Parmense nel primo trimestre 2014
I dati del Rapporto congiunturale al 31 marzo 2014 dell’Osservatorio del Mercato del Lavoro presentati in commissione di concertazione. Ferrari: “Sui problemi del lavoro la Provincia di Parma non abbandona la prima linea”
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 18 luglio 2014
» Oml: più assunzioni, ma è presto per parlare di ripresa
Presentati i dati al quarto trimestre 2013. Continuano la sofferenza dell’economia locale e il calo dei rapporti di lavoro, ma si riprende ad assumere. In questo quadro, comunque, Parma è seconda provincia italiana per tasso di occupazione.
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 10 aprile 2014
» OML: aumentano i rischi di recessione nel Parmense
Presentati i dati del primo trimestre 2012. Anche la provincia di Parma contagiata dalla nuova caduta della domanda interna.
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 6 luglio 2012
» Lavoro: è cominciato un cammino di ripresa
Presentato in Provincia a Parma il Rapporto 2009 e primo semestre 2010 dell’OML.
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 5 ottobre 2010
» 2014: per il mercato del lavoro parmense un difficile bilancio
L’Osservatorio provinciale sul Mercato del Lavoro presenta i dati annuali. Il ritardo della ripresa economica a livello nazionale frena la positiva tendenza in atto a livello locale. Probabilmente hanno pesato anche gli effetti del maltempo e dell’alluvione.
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 12 marzo 2015
» Parma, un territorio che lotta contro la crisi
Presentati i dati Oml del primo trimestre 2013. Confermata la sofferenza dell’economia locale ma il sistema territoriale continua a resistere
(da notizie.parma) - ultimo aggiornamento 11 luglio 2013

data di creazione: 01/07/2015
data di modifica: 01/07/2015
segnala a un amico
versione stampabile

 

in questa pagina...

allegati:

foto ad alta

Il comunicato stampa

Le slide

link:

Il report completo

statistica.parma

  Home / Sala Stampa / Archivio / Resoconto 2009 - 2014 / Campagne / Video / Pubblicazioni / Privacy / 
web design LTT - credits

notizie.parma è un sito di portale.parma - altri siti: eventi.parma
i servizi di portale.parma: calendario degli eventi | filo diretto

^Torna a inizio pagina^

 

 

funzione non attiva